Per poter visualizzare tutti i contenuti è necessario avere la versione attuale di Adobe Flash Player.

home page Immagini 3 Monitoraggio ambientale Monitoraggio 2 Monitoraggio 3 Monitoraggio 4 Monitoraggio 5 Monitoraggio 6 Monitoraggio 7 Immagini 4 Videoclip Videoclip 1 Videoclip 3 Videoclip 4 Videoclip 5 Videoclip 6 Videoclip 7 Videoclip 8 Videoclip 9 Videoclip 10 Videoclip 11 Videoclip 12 Videoclip 13 Videoclip 14 Videoclip 15 Videoclip 16 Videoclip 17 Videoclip 18 Videoclip 19 Videoclip 20 Videoclip 21 Videoclip 22 Videoclip 23 Videoclip 24 Ambienti Immagini 2 Eventi 3 Eventi 7 Eventi 4 Eventi 5 News Libri Bibliografia tecnica  Bibliografia tecnica 2 Bibliografia tecnica 3 Bibliografia tecnica 4 Bibliografia tecnica 5 Bibliografia tecnica 6 Link Nuova pagina 23 Nuova pagina 24 

Eventi 7

HOME PAGE

Clicca qui per accedere al portale della flora del basso corso del Lamone

Conoscere e riconoscere le erbe: ora c'è il portale interattivo

FLORA del basso corso del Lamone, Ravenna

Venerdì 6 settmbre 2013, alle ore 17 L'Arca Associazione di Volontariato ha presentato all'Ecomuseo delle Erbe Palustri di Villanova di Bagnacavallo uno strumento innovativo volto alla conoscenza della biodiversità vegetale degli ambienti naturali più importanti per la conservazione della flora e della fauna delle acque dolci del territorio ravennate. Abbiamo definito queste interessantissime zone umide come le

BELLE FIGLIE DELL'AMONE

perché Punte Alberete, Valle Mandriole e Bassa del Bardello sono di fatto nate, e vivono, per l'apporto delle acque fluviali dell'antico Anemo, Amone, ora Lamone. Decenni di osservazioni naturalistiche sul campo avevano già consentito ai ricercatori de L'Arca di pubblicare numerosi Quaderni IBIS ( acronimo di Inventari della Biodiversità Specifica), di cui i primi due erano stati dedicati appunto alla flora vascolare di Punte Alberete/ Valle Mandriole, nel 2007, e della Bassa del Bardello nel 2008, nell'ambito del Progetto Natura 2000, con il patrocinio del Comune di Ravenna, Servizio Ambiente & Energia e del Parco Regionale del Delta del Po, Emilia Romagna.Ma il tradizionale lavoro, finora pubblicato in forma cartacea con il determinante contributo finanziario del Parco regionale del delta del Po, Emilia Romagna, si presentava poco accessibile ai non esperti in botanica, per cui era necessario mettere a punto uno strumento più agile, accattivante e soprattutto facile da usare e, come oramai possibile con le nuove tecnologie digitali, piacevolmente interattivo con l'utente.Oggi, nell'ambito del progetto regionale INFEAS "Lamone Bene Comune", con la collaborazione di Geolabs Onlus e dell'Associazione Culturale Erbe Palustri, abbiamo raggiunto lo scopo tramite l'affiliazione al Progetto SiiT ( School-oriented interactive identification Tools) dell'Università di Trieste, Dipartimento Scienza della Vita.Questo ateneo cura la messa a punto di vari strumenti, tra cui il portale attrverso il quale anche uno studente delle scuole medie e una persona di normale cultura generale, tramite due interfacce di interrogazione possono arrivare facilmente a riconoscere qualsiasi pianta delle circa 600 censite dai ricercatori de L'Arca nei tre biotopi succitati.Il Team del Prof. Luigi Nimis ha elaborato l'elenco fornito dai referenti botanici ufficiali de L'Arca ( Giorgio Lazzari, Nicola Merloni e Daniele Saiani), fornendo una versione aggiornabile ed ampliabile del portale, che contribuirà in maniera significativa a facilitare ed a diffondere la conoscenza della biodiversità vegetale del nostro territorio.


http://ske.siit.eu/lamone